© duchili

Laurent Cantet

Il festival dedica un omaggio a Laurent Cantet, cineasta tra i più significativi del cinema francese degli ultimi trent’anni che spesso ha trattato nei suoi film tematiche interne al mondo del lavoro. Un filo rosso che attraversa la sua filmografia fin dagli esordi. Si pensi a un titolo come Risorse umane, ancora oggi testo imprescindibile per riflettere sulle dinamiche di potere che si instaurano all’interno di una fabbrica. Cantet indaga la materia, qui e altrove, stando in bilico sul confine tra finzione e documentario elaborando una poetica personale d’immediata riconoscibilità. In tale contesto si inseriscono titoli successivi quali A tempo pieno, La classe, L’atelier che portano in primo piano anche un altro elemento del suo cinema, il flagrante e nitido ricorso a interpreti professioni e non per rendere in profondità la sua visione sulle relazioni generazionali in situazioni che interrogano tanto l’ambiente lavorativo quanto altre categorie.

Laurent Cantet (Melle, Deux-Sèvres, Francia, 1961), regista e sceneggiatore, si diploma alla scuola di cinema IDHEC di Parigi. Nel 1994 è assistente alla regia di Marcel Ophüls per il documentario Veillées d’armes, resoconto sui corrispondenti di guerra durante il conflitto nei Balcani del 1993. Gli esordi dietro la macchina da presa risalgono agli anni Novanta. Dopo i cortometraggi Tous à la manif (1994), vincitore del premio Jean Vigo, e Jeux de plage (1995), nel 1997 dirige il primo lungometraggio Les sanguinaires, presentato alla Mostra di Venezia e che l’anno successivo diventa parte del progetto per la televisione 2000 vu par… composto di dieci film di altrettanti cineasti internazionali. Del 1999 è il film che lo rende famoso, Risorse umane, vincitore di numerosi premi fra cui quello come miglior regista esordiente al festival di San Sebastián. Con le opere seguenti, alcune centrate su tematiche legate al lavoro (A tempo pieno; La classe, con cui vince la palma d’oro al festival di Cannes nel 2008), il suo nome si consolida come uno dei più significativi all’interno del panorama cinematografico mondiale.

Filmografia: Tous à la manif (1994, cm), Jeux de plage (1995, cm), Les sanguinaires (1997), Risorse umane (1999), A tempo pieno (2001), Verso il sud (2005), La classe – Entre les murs (2008), 7 Days in Havana (2011, film collettivo, episodio La Fuente), Foxfire – Ragazze cattive (2012), Ritorno a L’Avana (2014), L’atelier (2017), Arthur Rambo (2021).

In Alto
Sto caricando…
  • LA CLASSE – ENTRE LES MURS

    LA CLASSE – ENTRE LES MURS (Francia, 2008, 128′) Martedì 3 ottobre, ore 15.00, Cinema Massimo, Sala 3   Acquista il biglietto online Regia: Laurent CantetSceneggiatura: Laurent Cantet, Robin Campillo, François BégaudeauFotografia: Pierre Milon, Catherine PujolMontaggio: Robin Campillo, Stéphanie LegerInterpreti: François Bégaudeau, Agame Malembo-Emene, Angélica Sancio, Arthur Fogel, Boubacar Touré, Burak Özyilmaz, Carl Nanor, Cherif […]

  • RISORSE UMANE / RESSOURCES HUMAINES

    RISORSE UMANE / RESSOURCES HUMAINES (Francia/Regno Unito, 1999, 100′) Venerdì 6 ottobre, ore 19.00, Cinema Massimo, Sala 3   Acquista il biglietto online Regia: Laurent CantetSceneggiatura: Laurent Cantet, Gilles MarchandFotografia: Matthieu Poirot-DelpechMontaggio: Robin Campillo, Stéphanie LegerInterpreti: Jalil Lespert, Jean-Claude Vallod, Chantal Barré, Véronique de Pandelaère, Michel Begnez, Lucien Longueville, Danielle MéladorProduzione: La Sept-Arte, Haut et […]